lunedì 6 ottobre 2014

CREATTIVA BERGAMO : la prima fiera non si scorda mai...

Sottotitolo : impressioni e incontri di una pivella in fiera :-)
 
Il giorno tanto aspettato alla fine è giunto e sabato mattina accompagnata da due consulenti tecniche di primordine ( mamma e zia ) salgo sul pullman in direzione della mia prima fiera del settore : CREATTIVA a Bergamo.
 
 
 
Alle 10.00 sono già all'interno, ad accogliermi all'entrata il magnifico stand di Daniela Cerri. Dopo 3 anni di frequentazione via web non posso esimermi dal tuffarmi nel suo mondo, abbracciarla e ammirare dal vivo le sue meraviglie.
La ringrazio di aver trovato tempo per questa foto che finisce dritta nell'album dei ricordi e me ne vado con una copia del suo 2 Art Book.
(acquistabile anche qui)
 
 
Girato l'angolo, vengo folgorata da una parete, alzo lo sguardo e scopro di essere nel paradiso delle stoffe di  Roberta de Marchi, i suoi collaboratori gentilissimi, preparano le mie stoffe e nel frattempo, contrariamente alla maggior parte degli stand, mi concedono di fotografare...
 
 
 
...continuo il mio giro e mi imbatto in questa parete, dove mia mamma si perde tra le perle ( a ognuna il suo debole )
 
 
Purtroppo il motto del NO FOTO è presente in tutta la fiera e così non posso documentare nulla.
Nemmeno dei fantastici quilts con stoffe Kaffe Fassett che aiutano a ridimensionare il proprio ego.
(se un qualche giorno la mia autostima dovesse salire basta guardare questa immagine per capire di essere una dilettante allo sbaraglio)
 
 
Ormai carica e coi piedi doloranti arrivo alla stand delle Edizioni Lumina con i quali sporadicamente collaboro, e trovo una "collega d'eccezione" ,
la carissima Marta di MARTAFRIDA
che porta nel sorriso il calore della sua terra.
Saluto lei e sua sorella e dopo uno scambio di doni e un click me ne vado con la certezza di aver trovato un'amica.
 
 
Impressioni:
Tutto sommato una bella esperienza, anche se esserci stata di sabato ha fatto si che mi trovassi tra la folla. Ho acquistato diverso materiale (rispettando il budget che mi ero prefissata), comprando non quello che mi serviva ma a pelle ciò che mi piaceva e che nel prossimo post vi mostrerò.
 
A vincere sono stati i rapporti umani. Le chiacchiere sul pullman,  le creative conosciute sul web e finalmente abbracciate in fiera, qualche venditore che si è preso il tempo di mostrarmi materiali e spiegarmi il loro utilizzo.
Non da ultimo la mia mamma,
che mi ha accompagnato nonostante per lei fosse una fatica.
 
Per contro non ho visto nulla di particolarmente innovativo, e togliendo le stoffe di cui ho abbondantemente fatto scorta, nemmeno molti materiali nuovi
(niente bei nastri, pom pom, passamanerie  e pizzi colorati che attirassero la mia attenzione ).
Il tema natalizio era ovviamente molto presente, ma  a livello craft sono una piccola grinchina verde in assoluta modalità primavera perpetua.
 
Ho apprezzato alcuni stand per la qualità espositiva e dei lavori
( magari non il mio genere ma la qualità si apprezza sempre)
e da buona decoratrice notato quanto una pessima esposizione possa ammazzare qualsiasi lavoro.
 
Non da ultimo mi sono posta dei quesiti. Affascinata dagli ultimi modelli di macchine da cucire ( Bernina prima tra tutte ) che pitturano, ricamano, disegnano e fanno punto croce...
mi sono chiesta :
Ma questa non è la fiera del fatto a mano?
Non so, il fascino di una tovaglia intagliata e ricamata a mano per me è altra cosa, e il tempo impiegato aumenta il suo valore.
 
Ma il cliente che non distingue una cosa dall'altra
finirà così per svalutare l'handmade.
 
 Che ne pensate?
(se siete arrivate a leggere fino a qui grazie! Siete follower stoiche e vi ricompenserò con foto e link agli acquisti nel prossimo post)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

16 commenti:

  1. ..penso che...la prossima volta andiamo insieme e vediamo di trovare qualcosa di nuovo!!! ;)
    o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbe bello, la compagnia intnedo il resto ce lo inventiamo noi :-)

      Elimina
  2. Caspita Giovanna, che bel resoconto! Non vedo l'ora di vedere gli acquisti... baci!!

    RispondiElimina
  3. Che bel post tesoro. Concordo con te su tutto, odio questo divieto delle foto, non capiscono che se una è brava basta che si studi un minuto una data creazione e poi a casa la riproduce ugualmente? Anche sulla questione novità sono d'accordo, tornando al discorso che nessuno si inventa nulla, alla fine le cose sono sempre quelle, anche se c'è chi è convinto di essere unico ed inimitabile. Diciamo che andare in fiera ha i suoi pro e i suo contro, come ti avevo già detto a me piace andarci per l'atmosfera, per respirare aria creativa, anche se vorrei ci fosse più condivisione. Per quanto riguarda il valore del fatto a mano....beh ormai è merce rara. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse il fatto che fosse così affollato ha fatto si che l'atmosfera si perdesse, specie per me che non amo le folle. Allora preferisco un pomeriggio craft con le amiche :-)

      Elimina
  4. Ciao... ho letto fino in fondo quindi sono una buona follower, ma soprattutto adoro andar per fiere!!! Il motto NO FOTO lo trovo assurdo, siamo in un era dove tutto e da tutte le parti del mondo è accessibile con un giro su Pinterest e ci preoccupiamo per una foto??? A me piace andarci con la mia amica socia creativa, stiamo insieme una giornata e ci divertiamo...poi se riesco a trovare cose belle e fare buoni affari sono ancora più contenta! Aspetto di vedere i tuoi acquisti!! Buona giornata. Giorgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) si con un'amica creativa deve essere una bella esperienza! Io di veri affari non ne ho fati ma degli acquisti sono comunque contenta :-)

      Elimina
  5. Ciao!!! Ma pensa che anch'io ero a Creattiva proprio sabato (e ci conosciamo via web solo adesso, che peccato!). Io sono nuova della rete, ho aperto da pochissimo un blog e sarò felice se vorrai farmi visita! Io intanto mi sono iscritta al tuo, così posso seguirti!!!

    RispondiElimina
  6. (riscrivo il post che non vedo pubblicato)
    Cara Giò concordo con Te, non acquisterei MAI una ricamatrice, così come non mi sono mai piaciuti i ricami fatti a macchina. Mi piacerebbe avere una macchina da cucire un po' più evoluta della mia, questo sì.
    Spero presto di poter conoscerTi.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Ciaoooo cara Giovanna grazie!!! Ma grazie anche per avere mostrato alcune meraviglie in fiera perché sai bene che chi ha lo stand non si schioda dal posto!!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per questo abbraccio :-) Le meraviglie sei sempre tu a mostrarcele Dani e qui non hai fatto eccezione!

      Elimina
  8. Grazie cara! Concordo sul fatto che c'erano poche novità e pochi artigiani. Ho visto troppi stand uguali fra loro....mi sarebbe piaciuto curare di più l'esposizione. ..ma arrivare dalla Sardegna e avere 1 metro per 80
    Cm non mi ha aiutato! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marta ma che dici? Bastava il tuo sorriso a illuminare lo stand :-)

      Elimina

Grazie per il vostro commento, e per essere entrati nel mio piccolo mondo creativo.